Liberate la vostra Creatività - Mental Coach | Performance Coach | sport business health care | Lugano | Canton Ticino | Svizzera

Vai ai contenuti

Menu principale:

Liberate la vostra Creatività

ARTICOLI


Tutta l'arte è movimento.

La mano sposta un pennello, picchietta un piatto e tocca un violino. Quando danza, il corpo si sposta dalla testa all'alluce. La mente deve diventare un tutt'uno con il movimento. Il suono, il colore o la forma di quel movimento
sono il messaggio.

Ecco perché tutti i musicisti dovrebbero suonare liberamente, tutti i danzatori muoversi spontaneamente, tutti i pittori applicare del colore facendo danzare il pennello e tutti gli scrittori scrivere delle assurdità:
per permettere alla mente di farsi assorbire dal movimento.

Fatelo
nel vostro interesse.

Stabilire questo collegamento è l'argilla grezza della creatività. La tecnica consiste nel dare forma all'argilla con azioni specifiche. Dopo aver collegato il corpo alla mente, tutta la tecnica può essere assorbita al livello più profondo. In caso contrario, si è consapevoli che il problema non è nell'aver sperimentato il collegamento.

Quando il movimento diventa fluido, potete insegnargli di "fare delle cose".


Senza il flusso, l'accettazione, il collegamento che impedisce alla paura di pervaderci,
tutta l'arte è superflua.
Oggi ho visto un vagabondo danzare per strada. I suoi piedi facevano passi minuscoli mentre si spostava in cerchio.

Di fatto era delirante.
Ma il suo delirio aveva uno scopo migliore di gran parte dell'arte del "mondo civilizzato".


"Che concetto lontano, troppo bello per essere vero", potreste dire. Ma l'unità di corpo, anima, cuore e mente è oscurata spesso dal fatto che miriamo a "fare della buona arte".Si dovrebbe dare al corpo il tempo di esplorare il movimento. Alla mente dovrebbe essere dato lo spazio di diventare un tutt'uno con il movimento. Il musicista ha bisogno di tempo e spazio per scoprire tutti i propri errori. Perché ciò accada, il risultato deve essere libero.

Libertà di desiderio, di "significato", di intenti. Scoprirete che lavorare partendo da questo concetto è estremamente significativo. Perché ciò che conta è
l'effetto che il brano ha su chi vi lavora.

Che la realizziamo o no, ciò che cerchiamo è la liberazione. Questo è il motivo per il quale creiamo, per il quale uccidiamo, amiamo, suoniamo. Immaginare il musicista come un guaritore altruista è ridicolo. Sì, curiamo, ma lo facciamo per trasferimento.

Trasferiamo il nostro stato d'animo.

Se la mente è libera, intossicata dal Sé, o immersa nella sensualità, la gente lo sentirà

Quindi,
medico, cura te stesso!

Siamo come dei conduttori di corrente. Se ci arrendiamo alla catena di eventi, i pensieri fluiranno, la tecnica fluirà, gli accordi e le scale fluiranno. Anziché strisciare sul pavimento,
i suoni, i movimenti, i colori e i pensieri prenderanno il volo. Creando questo flusso,

Una dichiarazione molto futile è "l'arte fine a se stessa". Cos'è l'arte? Utilizziamo i computer nel loro interesse? Certamente no.
Potremmo fare l'arte per l'arte, o per l'umanità, oppure per il motivo più potente, il nostro interesse.
Il movimento non deve essere ostacolato dalla paura, ma libero di muoversi. Pertanto,
diventare un tutt'uno con il movimento è più importante che creare un brano "di successo".

È un paradosso, vero? Invece, quando prendete la decisione di superare le preoccupazioni mondane e avere fiducia in questo flusso, accettandone i risultati in modo equanime,
la vostra arte avrà molto successo.

Credeteci, contateci.


Torna ai contenuti | Torna al menu