Quantum Psychology - Mental Coach | Performance Coach | sport business health care | Lugano | Canton Ticino | Svizzera

Vai ai contenuti

Menu principale:

Quantum Psychology

ARTICOLI

Una nuova "realtà" sviluppata da Dott. Marco Paret, la Quantum Psychology è una nuova classe di scienza completamente differente da altre che la hanno preceduta e per sua natura è interdisciplinare. Il concetto di base della Quantum Psychology è l'uomo nell'universo e la sua realtà soggettiva. Essa parte dalla considerazione che tutte le discipline piscologiche cercano di sviluppare le potenzialità dell'uomo, ma nessuna si pone domande sul fine di raggiungere maggiori abilità e capacità. Solo accedendo soggettivamente e veramente alla struttura completa dell'uomo è possibile capire come accedere al suo potenziale.


I concetti quantici sono un fondamentale elemento di cultura e di pensiero.

Nascono dal connubio tra le constatazioni effettuate sulla "realtà della realtà" dalla scienza moderna e le scienze umane.

Sono un paradigma pratico nuovo rispetto a quelli utilizzati finora dalle scienze psicologiche, sociali e della comunicazione.

Sono di immediato utilizzo, ed hanno:

sia una validità generale

sia propongono una serie di tecniche ed applicazioni specifiche, per il coaching, il counseling, il business, l'educazione, le organizzazioni, la terapia ed il miglioramento della persona ...

Il modello Quantum è realistico.

Alcuni punti base sono:

Attenzione alle Potenzialità e Possibilità. Nel mondo vi è certezza solo dell'incerto. Il mondo da un punto di vista umano è infatti normalmente in movimento e cambiamento imprevedibile e comunque in evoluzione, e possiamo parlarne solo in termini di probabilità e possibilità

Globalità. L'approccio quantico guarda al mondo come realtà globale. Le parti sono astrazioni (dal latino ab trahere = tirare fuori) dell'insieme. La mancanza di tale visione è attualmente all'origine di molti problemi da quelli sociali a (non ultimo) quelli climatici.

Non c'è osservazione senza osservatore. Noi infatti siamo parte del mondo dove operiamo. Abbiamo però una libertà: possiamo scegliere come guardarlo. Le domande (e l'attitudine) che ci poniamo hanno un impatto sulla nostra percezione. Inoltre, il fatto di adottare un'attitudine nell'osservazione della realtà è un atto che ha delle conseguenze che influenzano il sistema stesso in quanto siamo noi stessi parte del sistema. Quantum Extreme aiuta ad ottimizzare queste probabilità in termini di opportunità di cambiamento, successo, evoluzione...

Attenzione allo sviluppo della creatività. Permette di sviluppare una tecnologia di creatività per avere nuove idee, superare le vecchie mappe e avere nuovi punti di vista.

E' una base per lo sviluppo spontaneo della mente. Infatti non solo il mondo, anche l'attività interna del nostro cervello risponde alle stesse regole quantiche. La nostra mente è infatti nata per operare nel mondo e ne partecipa delle leggi. Capire le leggi del pensiero significa allora moltiplicarne i risultati: e inoltre, la mente funziona meglio, in maniera spontanea ed automatica, auto-organizzandosi. E' possibile essere padroni dei nostri meccanismi di pensiero e potenziare in tale maniera non solo le nostre abilità, ma anche le capacità.

Approccio Multidimensionale. L'approccio quantico aggiunge dimensioni allo studio dell'uomo. Il Quantum pone infatti anche attenzione sulle dimensioni della coscienza e dello spirito.

La Coscienza. Anche se il mondo è incerto, c'è comunque una parte di noi certa in tutto ciò. Questa parte è infatti la nostra coscienza alla base della percezione del mondo. E' possibile accedere alla realtà al di là dei ricordi e delle immaginazioni e sviluppare crescita personale e maggiore coscienza.


Ci si apre a nuove possibilità ed al mondo.

Aprirsi al mondo significa anche aprirsi alle sue opportunità, alcune delle quali non sono neppure esprimibili in termini finiti pur avendo conseguenze verificabili.

Come ci apriamo al mondo così viviamo.

Molti si chiudono in piccoli castelli di credenze sicure per paura di avventurarsi sulla pianura della vita.

Una struttura mentale che lascia da parte le possibilità della vita e del pensiero non è né realistica né di aiuto.

Alcuni chiudono così tanto le porte che si dimenticano che esiste una realtà multiforme e mobile di fronte a loro.

Fornisce una guida per aprirvi alle potenzialità e possibilità.

A molti che entrano in questo spazio sembra di avventurarsi in un mondo infinito che cambia, senza guida in quanto nessuno ha mai insegnato loro come farlo.

La soluzione è nel capire il punto centrale in noi stessi ed il ruolo che noi abbiamo nella creazione della percezione di questo mondo.

Il modello quantico ci fa riscoprire la nostra partecipazione alla realtà e nello stesso tempo ci apre a nuove realtà in ogni istante.

Ogni momento di vita, infatti, ha potenzialità infinite perchè è una parte inscindibile dal tutto della nostra esistenza, il cui limite siamo solo noi.


Alcuni punti specifici introduttivi al modello Quantum Extreme


La mente è viva e naturalmente dinamica. Capire la visione quantica significa capire le leggi del pensiero, che non è lineare, ma si sviluppa secondo meccanismi suoi propri. La mente esiste solo in un essere vivo. Nel pensiero la creatività, le trasformazioni sono importanti e ne costituiscono la struttura. La mente non è statica, è dinamica. Il flusso di pensieri è un insieme contemporaneo di possibilità sia vissute che immaginarie che si aggregano attorno alla direzione dell'intenzione.


La nostra realtà soggettiva è frutto di una scelta. Alcune delle immagini create dalla nostra mente vengono illuminate dalla nostra coscienza e costituiscono la nostra realtà soggettiva. Quel che percepiamo è solo una parte di una realtà globale mentale con leggi sue proprie. Aprirsi alla realtà quantica è recuperare la dimensione globale ed aprirsi ad una dimensione più vasta, completa, dove le soluzioni sono creative ed immediate.


Possiamo sviluppare momenti di "nuove idee". La ricerca ha mostrato che i momenti di "scoperta" sono caratterizzati a livello di elettroencefalogramma a livello di onde gamma. Alcuni ricercatori hanno avvicinato lo stato di onde gamma ad uno stato di alta coerenza.


I concetti di coerenza neurofisiologica, buon funzionamento della mente e benessere. La nostra mente ha la finalità di mantenere coerenza tra varie funzioni organiche e tra varie aree cerebrali. Quando il cervello funziona bene è anche la base della salute e del benessere, e anche capace di apprendere più efficacemente. Per capire la visione quantica è utile imparare come creare "coerenza" neuronale, che è la base del buon funzionamento cerebrale ed evita la dispersione dell'informazione mentale. Più la mente è coerente migliore è il suo funzionamento quantico, e quindi maggiore la creatività, l'originalità, la potenza della sua analisi. Per creare coerenza, nei nostri corsi, partiamo da un buon funzionamento interemisferico ed utilizziamo inoltre ritmi specifici atti a stimolare tale coerenza. Abbiamo quindi espansione mentale. Capire la dimensione quantica è anche sviluppare il proprio benessere.


La coscienza. Capire la visione quantica significa anche avvicinarsi al fenomeno della "coscienza", della "consapevolezza di sè" e della costruzione del mondo. Significa passare dal vedere oggetti separati ad una visione che permette di recuperare l'unità globale dietro a tutti i nostri pensieri. Al capire che anche la percezione è il frutto di processi di decisione inconsci che partono da noi, e che quindi c'è un noi stesso dietro tutto ciò che partecipa.


Visione delle interconnessioni. A livello globale capire la visione quantica significa ragionare a sistemi ed a vedere la realtà che si comporta come un sistema complesso in cui la parte non può essere staccata dal tutto. Nel Counseling, ad esempio, vediamo l'individuo ed il gruppo assieme. Nel Coaching ci apriamo ad una visione ad opportunità che ci completa quella ad obiettivi. La nostra intenzione di crescita influisce sulla nostra percezione e partecipazione all'insieme portandoci ad agire naturalmente ed intuitivamente sull'evoluzione del singolo elemento.


Riscoprire l'infinità del potenziale umano. La visione quantica è la base di una crescita globale. Nelle organizzazioni la visione quantica è la riscoperta del fattore umano e dei suoi potenziali, del senso e dell'intenzione con cui ciascuno partecipa in un processo globale.


Operare realmente nel mondo e coglierne le opportunità. La visione quantica ci permette anche una visione nella quale diamo più libertà al mondo percependolo al contempo più realmente e globalmente. Nello stesso tempo ci apriamo in una maggiore libertà in noi stessi essendo più noi stessi. E poichè percepiamo il mondo possiamo operare nel mondo ottenendo risultati nella maniera più naturale. Ed in quanto detto poc'anzi vi è anche la base, per una maggiore efficacia, un maggiore magnetismo personale ed una vita più piena.


Tecniche Semplici e compatte. Il modello Quantum Extreme è naturalmente semplice e compatto. Questo permette di impararlo in tempi brevi. Inoltre il modello è alla base di una serie di tecniche e metodi estremamente semplici ed efficaci per la vita pratica.

Altri elementi del modello Quantum Extreme in poche righe:

Il cervello quantico.

Il cervello è fatto per esaminare le infinite probabilità della vita. In pochi istanti è in grado di fare calcoli molto complessi per scegliere quella che sembra più conveniente per noi, basandosi sulle nostre esperienze passate e sulle nostre direzioni per il futuro.

Per far questo opera in parallelo e considera possibilità reali quanto immaginarie arrivando in pochi istanti ad una soluzione.

Noi possiamo utilizzare tali capacità in ogni ambito della vita. La condizione richiesta per il massimo risultato è essere capaci di sviluppare coerenza neurofisiologica.

Presente, Futuro, Attenzione, Individualità.

La realtà è fatta di probabilità.

Quando noi andiamo incontro alla vita scegliamo una tra le tante possibilità e poniamo la nostra attenzione su una sola di esse isolandola dalle altre.
La scelta della probabilità che percepiamo dipende dall'incontro tra la nostra direzione ed intenzione nel futuro e la somma delle esperienze del passato.
Questi due elementi (esperienze e deduzioni passate e direzioni ed immaginazioni future) decidono assieme incontrandosi la direzione della nostra attenzione.
Dirigendo la nostra attenzione in una maniera manteniamo il sistema in una direzione.
La densità di attenzione che mettiamo crea anche la nostra individualità.

Sviluppare Coscienza.

Gli elementi che creano la nostra direzione nel futuro sono spesso derivati da elementi del passato.

Ad esempio i valori vengono creati in base ad esperienze passate.
In tale maniera si crea un sistema chiuso e rischiamo di non vedere più il mondo quale veramente è.

Un sistema chiuso riduce infatti la quantità di informazione e, riducendo la quantità di informazione, il cervello ragiona in maniera solo lineare ed è meno efficace in quanto non vede più tutte le possibilità.

E' possibile uscire da tale sistema se siamo in grado di porre reale attenzione al presente.

Quando poniamo attenzione al presente senza interpretazione siamo in grado di sviluppare coscienza ed essere presenti.

Questo ci permette di cogliere a fondo le opportunità che la vita ci da.

Nota sull'origine del modello Quantum Extreme

L'approccio del modello Quantum Extreme alla mente è analogo all'approccio quantistico della fisica.

Personalità eminenti come il Dalai Lama, Bohm ed altri hanno visto delle similitudini tra l'approccio delle fisica moderna e la psicologia.

Roger Penrose e Stuart Hameroff hanno supposto che nel cervello avvenissero elaborazioni analoghe a quelle di un computer quantico.

In Quantum Extreme il paradigma quantico viene utilizzato in questo senso ma è comunque efficace anche semplicemente come approccio.

Significa che i modelli di analisi sui quali ci si basa per analizzare l'informazione caratteristica delle situazioni con stati complessi di probabilità sviluppate dalla fisica sono efficaci e trovano applicazione in altri ambiti nelle quali il sistema è egualmente probabilistico, come la vita.

In una realtà, anche sociale, dove la complessità e l'incertezza aumenta proponiamo quindi la teoria più potente per operare.

La mente si pone come strumento con il quale entriamo in contatto efficace con una realtà caratterizzata da probabilità e sfaccettature.

In altre parole la nostra mente funziona secondo l'approccio indicato da Quantum Extreme in quanto è la maniera più efficace di gestire il nostro approccio al mondo.

Capire l'approccio Quantum Extreme significa capire meglio come funziona la nostra mente.

Può aiutare quindi anche a migliorare anche le capacità cerebrali oltre che a suggerire piani di azioni e rendere più efficaci manager, insegnanti, educatori, coach e terapeuti (per citare solo alcune delle categorie che possono trarre vantaggio dall'approccio)

E' un approccio nuovo, e differente da quello di altre discipline, (ad esempio la psicanalisi, l'analisi transazionale, la PNL, le tecniche energetiche, la sociologia, la teoria delle organizzazioni etc...), anche se può avere punti di contatto con ciascuna di queste.

L'approccio Quantum Extreme tiene conto anche delle eccezioni all'interno di una dinamica probabilistica.

Questo porta a conclusioni nuove e quindi a poter trattare anche situazioni non trattabili con i paradigmi indicati sopra.

Non sarebbe stato realizzabile qualche anno fa, in quanto ancora non era stata effettuata così compiutamente la generalizzazione del modello quantico di analisi a situazioni non fisiche ma sociali.

Una "summa" di quanto di più moderno e potente sia disponibile attualmente, e fa riferimento ad osservazioni, ricerche e sperimentazioni scientifiche recentissime, come mostrato chiaramente dalla bibliografia di ogni lezione.

Torna ai contenuti | Torna al menu